Contributi a enti gestori di parchi nazionali e delle aree marine protette nell’ambito del progetto "E…state nei parchi 2011"

Pubblicato l‘avviso che avvia la procedura per l’attribuzione di contributi economici, per iniziative ed azioni di educazione ambientale nell’ambito del progetto “E…state nei Parchi 2011”.

L’avviso reso dal Ministero dell’Ambiente è finalizzato ad avviare una procedura per la selezione, ai fini dell’attribuzione di contributi, di iniziative ed azioni riguardanti l’educazione ambientale, nell’ottica del perseguimento degli obiettivi di diffusione, tra i ragazzi compresi tra i 6 ed i 16 anni e, per il loro tramite, anche tra i loro familiari, delle seguenti tematiche:

  • conoscenza dell’ambiente naturale e delle peculiarità delle zone ricadenti in aree protette;
  • principi di rispetto dell’ambiente e della sua valorizzazione quale elemento imprescindibile per il benessere umano nella fruizione del tempo libero, in particolare nel periodo estivo, anche al fine di favorire forme di turismo sostenibile ed educativo;
  • promozione di figure professionali legate al rispetto e alla salvaguardia ambientale.

Possono presentare istanza di contributo tutti gli Enti gestori dei Parchi Nazionali e delle Aree Marine Protette italiane anche in partnership fra loro.
Ogni soggetto può presentare una sola richiesta di contributo.
Gli Enti gestori, per la realizzazione delle loro iniziative, potranno avvalersi di associazioni o altri soggetti qualificati, ad es. nell’accompagnamento escursionistico e nel campo della tutela ambientale, sia su base volontaria che professionale, riservando particolare attenzione alle realtà presenti localmente. In ogni caso la responsabilità della gestione dell’intervento ricadrà esclusivamente sul soggetto proponente.

Le risorse finanziarie disponibili sono pari a € 500.000,00 (cinquecentomila/00).
La percentuale massima del contributo  concedibile per ciascun progetto  ammesso  non potrà  superare l’80% dei costi totali ammissibili, fermo restando il limite delle risorse finanziarie disponibili.
In ogni caso l’importo del contributo massimo non potrà superare la somma di € 50.000,00, omnicomprensive.

Le istanze dovranno pervenire presso il Ministero dell’Ambiente entro e non oltre il 19 maggio 2011 presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del MareUfficio del Segretario GeneraleVia Cristoforo Colombo, 4400147 ROMA.

Documentazione richiesta per accedere al contributo:
Le istanze di  concessione del contributo, pena  la non ammissibilità, dovranno essere sottoscritte dal legale rappresentante, predisposte esclusivamente  in conformità con il format della domanda di partecipazione (Scarica – formato word), ed accompagnate dalla seguente documentazione:

a. scheda progettuale (Scarica – formato word), compilata in ogni sua parte e sottoscritta dal legale rappresentante, la quale comprende una relazione descrittiva della natura e delle caratteristiche delle  iniziative/azioni da realizzare, le finalità, i destinatari, la sua rilevanza ambientale e territoriale, un crono programma delle attività, le modalità di pubblicizzazione del progetto e le modalità di selezione dei partecipanti;

b. piano economico-finanziario che contenga il bilancio di previsione delle  iniziative/azioni, sottoscritto dal legale rappresentate e dal quale emerga chiaramente la provenienza e la quantificazione delle diverse quote di finanziamento del progetto presentato, distinti tra:
– contributo oggetto del presente avviso;
– contributo da parte dei partecipanti;
– eventuale contributo da parte del soggetto proponente;
– eventuale contributo da parte di soggetti terzi pubblici o privati;

c. dichiarazione, redatta  nel rispetto del D.P.R. 445/2000 (Disposizioni legislative in materia di documentazione amministrativa) e sottoscritta dal legale rappresentante, se il richiedente sia o meno beneficiario, per  le  iniziative/azioni alle quali l’istanza  si riferisce, di contributi, sussidi, ausili, sovvenzioni o finanziamenti da parte di altri soggetti pubblici o privati.
In caso affermativo, dovranno essere precisati l’importo del contributo ed il soggetto concedente, così come gli stessi dati  dovranno risultare anche nel piano economico finanziario di cui al precedente punto b.
Il Ministero  si riserva di procedere alla verifica di quanto dichiarato secondo le modalità di legge;

d. nel caso di affidamento di parte delle attività delle iniziative/azioni a soggetti terzi il proponente dovrà farsi carico di acquisire la dichiarazione, sottoscritta dal relativo legale rappresentante, che attesti che il medesimo non si trovi in una delle situazioni previste dall’art. 38 del D.Lgs 12 aprile 2006 n. 163 . Tale dichiarazione dovrà  essere  accompagnata da copia fotostatica  fronte-retro  del documento di riconoscimento del citato legale rappresentante e sottoscritta dal medesimo;

e. copia fotostatica fronte-retro del documento di riconoscimento del legale rappresentante del soggetto proponente debitamente sottoscritta dallo stesso;

Avvocato presso il Foro di Salerno. CEO & Founder del portale Campania Europa.

Facebook Twitter LinkedIn 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...