Campania, fabbricati e terreni comunali abbandonati agli under 40: come accedere.

Finanziamenti e contributi per i Comuni ed enti locali su Campania Europa.

L’entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Sud (Legge 3 agosto 2017, n. 123), dà il via alla creazione della banca dati degli immobili comunali abbandonati del Mezzogiorno, uno strumento che ne permetterà il recupero e la valorizzazione mediante l’affidamento a giovani imprenditori ed enti no-profit.
I Comuni delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia Sicilia e Sardegna sono chiamati ad eseguire, entro la fine del 2017, la ricognizione complessiva degli immobili in stato di abbandono presenti sul territorio, con particolare riguardo ai terreni agricoli.

Sono classificati immobili incolti ed in stato di abbandono:

  • i terreni agricoli sui quali non sia stata esercitata l’attività agricola minima da almeno dieci anni, in base ai principi e alle definizioni di cui al regolamento (UE) n. 1307/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 e alle disposizioni nazionali di attuazione;
  • i terreni oggetto di rimboschimento artificiale o in cui sono insediate formazioni arbustive ed arboree, ad esclusione di quelli considerati bosco nei quali non siano stati attuati interventi di sfollo o diradamento negli ultimi quindici anni;
  • le aree edificate ad uso industriale, artigianale, commerciale, turistico-ricettivo e le relative unità immobiliari che risultino in stato di abbandono da almeno quindici anni o nelle quali non risultino più operative aziende o società da almeno quindici anni.

Completate le ricognizioni gli immobili saranno affidati, mediante appositi bandi comunali, a giovani di età compresa tra 18 e 40 anni, sulla base si progetti tesi alla valorizzazione ed utilizzo dei beni.

La misura può interessare anche beni privati che risultano incolti o comunque in stato di abbandono.

Nel caso in cui il progetto riguardi lo svolgimento di attività terziarie di carattere no-profit, artigianali o turistico – ricettive, il comune adotta tutte le modificazioni in variante degli strumenti urbanistici vigenti.

I proponenti dei progetti di valorizzazione che intendano svolgere attività artigianali, commerciali e turistico – ricettive, mediante impiego degli immobili in stato di abbandono, potranno finanziare l’attività ricorrendo alla misura Resto al Sud.

Avvocato presso il Foro di Salerno. CEO & Founder del portale Campania Europa.

Facebook Twitter LinkedIn 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...