Ecco 4 misure per incentivi a fondo perduto sulle nuove assunzioni.

Finanziamenti e contributi alle PMI piccole e medie imprese.

Con l’articolo odierno facciamo il punto della situazione sulle agevolazioni rivolte alle imprese che intendono compiere nuove assunzioni. Si tratta di misure di cui ho più diffusamente scritto su Campania Europa nel corso dell’anno. Passiamoli tutti in rassegna per avere una panoramica completa.

1. Contributi INPS per assumere soggetti già licenziati e disoccupati (decreto direttoriale 19 aprile 2013)

Il decreto direttoriale 19 aprile 2013 del Ministero del Lavoro permette ai datori di lavoro privati di ottenere uno speciale contributo se, nel corso del 2013, assumono a tempo determinato o indeterminato, anche part time o a scopo di somministrazione, lavoratori licenziati nei 12 mesi precedenti l’assunzione.
Al fine di fruire del beneficio i datori di lavoro interessati dovranno inoltrare una istanza all’INPS esclusivamente in via telematica, entro 30 giorni dalle assunzioni. Il beneficio è pari a 190 euro per ciascuna assunzione per un periodo di 12 mesi, se l’assunzione è a tempo indeterminato.
E’ pari a 190 euro per ciascuna assunzione a tempo determinato per un periodo di 6 mesi. Il contributo viene erogato a titolo di conguaglio sulle dichiarazioni contributive dei datori di lavoro.

2. Incentivi Fornero per assumere donne e giovani

Con la circolare INPS n. 111 del 24 luglio 2013 è stata reso operativo il meccanismo di incentivi della Legge Fornero destinato ai datori di lavoro che, a decorrere dal 1 gennaio 2013, assumono over 50, disoccupati e donne di qualunque età prive di impiego. E’ prevista una riduzione contributiva del 50% sulla contribuzione dovuta al nuovo assunto.
A decorrere dal 30 luglio 2013, nel Cassetto previdenziale aziende ed aziende agricole del sito www.inps.it, sarà disponibile il modulo “92-2012” per la comunicazione online finalizzata alla fruizione dell’incentivo.

3. Decreto Lavoro, 800 milioni di incentivi per assumere donne e giovani

Il Decreto Lavoro (Decreto legge 28 giugno 2013, n.  76) è approvato in via definitiva alla Camera, mette a disposizione dei datori di lavoro di ogni settore ben 800 milioni di euro al fine di incentivare in tutta Italia le stabilizzazioni di giovani.
L’incentivo riconosciuto per le assunzioni tempo indeterminato di giovani di età fino a 29 anni e che siano privi di impiego da almeno 6 mesi, oppure privi di un diploma di scuola secondaria superiore o professionale.
L’incentivo è pari ad 1/3 della retribuzione mensile lorda, per un periodo di 18 mesi, e corrisposto mediante conguaglio nelle denunce contributive mensili del periodo di riferimento. Il valore nominale dell’aiuto non può essere superiore a 650,00 € per lavoratore assunto.

4. Manager to Work, contributi a fondo perduto per assumere dirigenti

Italia Lavoro Spa cura l’attuazione del bando Azione di Sistema Manager to Work 2012-2014 che permette ai datori di lavoro (imprese o soggetti ad esse assimilabili) di ottenere contributi a fondo perduto per assumere ex dirigenti e quadri disoccupati.
Nell’ambito di tale azione, il contributo per  le nuove assunzioni può raggiungere un massimo di 28.000 euro.  Potranno essere ammesse a contributo esclusivamente le domande presentate entro il 31 dicembre 2014.

Avvocato presso il Foro di Salerno. CEO & Founder del portale Campania Europa.

Facebook Twitter LinkedIn 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...