Campania, work experience e finanziamenti fino a 9.000 euro per assumere lavoratori disabili.

Campania al lavoro, Piano straordinario per l'occupazione in Campania.

Con il decreto dirigenziale n. 765 del 23 ottobre 2012, la Regione Campania ha attivato un bando per l’attivazione di work experience finalizzato all’inserimento lavorativo dei disabili presso le imprese campane con erogazione di contributi, fino a 9.000 euro, per assumerli.

La misura, dotata di risorse pari a 1.800.000 euro, rientra nell’ambito del POR Campania 2007-2013, favorisce la cultura del “buon inserimento” attraverso percorsi di work experience che offrono ad imprenditori ed aziende l’opportunità di assumere personale che sia competente e formato.

Attivazione e svolgimento delle work experience

Possono presentare domanda di attivazione delle work experience le imprese di qualsiasi settore, purchè operative in Campania, che costituiscano un’ATI (Associazione Temporanea di Imprese) con enti di formazione accreditati presso la Regione. Queste si occuperanno delle attività di accompagnamento formativo alla work experience medesima.

Le work experience devono essere indirizzate a persone con disabilità che, alla data di presentazione della domanda di frequenza del percorso formativo:

  1. siano residenti in Campania da almeno 5 anni;
  2. abbiano completato la scuola media inferiore;
  3. siano iscritti nelle liste speciali di collocamento mirato del Centro per l’Impiego territorialmente competente;
  4. non abbiano già prestato attività lavorativa nell’impresa ospitante nei 12 mesi precedenti la presentazione del progetto;
  5. non risultare coniugi, parenti, affini entro il secondo grado, del titolare o del/i socio/i dell’impresa ospitante.

La durata delle work experience è di 6 mesi, per un impegno settimanale dei destinatari pari a 20 ore.
Ai soggetti che prendono parte alle work experience è riconosciuta una indennità di frequenza obbligatoria, denominata Borsa di lavoro/ Persone con disabilità, di ammontare pari a € 450,00 mensili.

Ciascun progetto di work experience può prevedere un numero massimo di borsisti pari a:

  • 1 borsista, per le imprese aventi da 0 a 5 dipendenti assunti a tempo indeterminato;
  • 2 borsisti, per le imprese aventi da 6 a 19 dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato;
  • 3 borsisti, per le imprese che superano i 19 dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato;

L’invio delle richieste per l’attivazione delle work experience dovranno essere inoltrate esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata (PEC) entro le ore 13.00 del 28 dicembre 2012.

Contributi fino a 9.000 euro per assumere lavoratori disabili

Alle imprese attuatrici di progetti di work experience, che entro e non oltre 60 giorni dalla fine del periodo di svolgimento della work experience assumano con contratto a tempo indeterminato i destinatari dell’esperienza lavorativa è riconosciuto, su richiesta, un contributo fino a 9.000 euro.

L’aiuto è condizionato al mantenimento del/i borsista/i nell’organico aziendale per un periodo non inferiore ai ventiquattro mesi, fatto salvo il licenziamento per giusta causa.

Tale aiuto non può essere superiore al 75% del costo salariale lordo annuale del lavoratore. Il costo salariale lordo annuale comprende:

  1. la retribuzione lorda, prima delle imposte;
  2. i contributi obbligatori, quali gli oneri previdenziali;
  3. i contributi assistenziali per figli e familiari.

Le istanze vanno presentate, a pena di inammissibilità, esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata (PEC) entro il termine perentorio del 15° giorno successivo alla stipula del contratto a tempo indeterminato.

Documenti da scaricare

Avvocato presso il Foro di Salerno. CEO & Founder del portale Campania Europa.

Facebook Twitter LinkedIn 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...